• CARBURANTI

Metano, a maggio serrata di tre giorni dei distributori

Le istanze di Assopetroli-Assoenergia, Assogasmetano e Federmetano, volte a ridurre il prezzo al consumo del metano per autotrazione, non sono state accolte dal Governo italiano. Il gas naturale non sarà inserito nella lista dei carburanti che beneficiano delle agevolazioni fiscali introdotte dal decreto-legge n. 21 del 21 marzo 2022.

Motivo per il quale le associazioni di categoria hanno confermato l’astensione collettiva dall’erogazione dei servizi di distribuzione di metano a uso autotrazione su base nazionale.


Una serrata dei distributori di gas naturale che si protrarrà per tre giorni, dal 4 al 6 maggio prossimi.

Sarà osservata la fascia di garanzia di servizio giornaliera dalle 7 alle 9 del mattino.


“Lo sciopero è confermato a fronte della persistente mancata azione da parte del governo in merito alle richieste - avanzate da mesi - di sostegno per il comparto, prima fra tutte la riduzione dell’IVA dal 22 al 5 per cento (già accordata per gli usi industriali e civili)”, si legge nel comunicato diramato dalle associazioni.

Mentre il governo sta predisponendo nuovi interventi per estendere la riduzione dell'accisa su benzina, gasolio e GPL oltre l'inizio di maggio, come dichiarato dal ministro dell'Economia Daniele Franco, si concretizza dunque la possibilità paventata dai presidenti di Assopetroli-Assoenergia, Assogasmetano e Federmetano nel corso della conferenza stampa che si è tenuta lo scorso 8 aprile.


Infatti, i rappresentanti delle associazioni avevano subordinato l’indizione della serrata all’attuazione, da parte del Governo, di misure a sostegno dell’intera filiera.


Filiera che, secondo le associazioni, sta accusando in maniera particolare gli effetti della crisi energetica, aggravata dalla guerra in Ucraina, a tal punto da rischiare il default.

Il settore è particolarmente strategico anche in ottica di decarbonizzazione.

Già oggi infatti il biometano, vero e proprio carburante circolare, è presente in misura crescente nella rete dei distributori miscelato con il gas naturale tramite i Certificati di Immissione in Consumo (CIC) .


Le ridotte emissioni, la distribuzione attraverso la rete del gas e la possibilità di sfruttare il potenziale energetico della frazione organica dei rifiuti rendono il biometano un alleato cruciale per decarbonizzare i trasporti.



Edoardo Lisi