• RICERCA

Non solo fuel cell: la Germania progetta camion con motori a combustione a idrogeno

L’elettrificazione dei mezzi pesanti che viaggiano su tragitti medio-lunghi presenta ancora molte problematiche, a partire dalle infrastrutture di ricarica. Una soluzione alternativa potrebbe essere rappresentata dall’idrogeno.

È questo l’obiettivo del progetto di ricerca HyCET (Hydrogen Combustion Engine Trucks) che ha ora ottenuto un finanziamento di 11,3 milioni di euro dal Bundesministerium für Verkehr und Digitale Infrastruktur (BMDV), il ministero federale per i trasporti e le infrastrutture digitali della Germania. HyCET, della durata di 4 anni e con un investimento previsto di 19,5 milioni di euro, punta a sviluppare e testare camion con motori a combustione a idrogeno.


Il progetto - che vede alla guida del consorzio il Gruppo BMW con partner quali DEUTZ, DHL, KEYOU, TotalEnergies Marketing Deutschland e Volvo Group - svilupperà due autocarri da 18 tonnellate e due da 40 tonnellate con motori a idrogeno, che saranno testati durante la normale logistica dei trasporti del Gruppo BMW e di DEUTZ.


“La tecnologia dell’idrogeno - ha dichiarato Daniela Kluckert, sottosegretario di Stato per i trasporti - ci offre la possibilità di ripensare la mobilità. In particolare, le diverse esigenze dei trasporti richiedono risposte adeguate. L’idrogeno è una buona soluzione che può integrare la mobilità elettrica a batteria e i risultati ottenuti nell’utilizzo reale dal progetto HyCET contribuiranno alla competizione tra tecnologie di trazione alternative nel campo della logistica”.

Sempre all’interno del progetto HyCET, il BMDV ha finanziato con ulteriori 5,7 milioni di euro anche la costruzione, a Lipsia e Norimberga, di due stazioni di servizio pubbliche a idrogeno destinate principalmente al traffico pesante.


In tema di sostenibilità dei trasporti, il Bundesministerium für Verkehr und Digitale Infrastruktur ha messo a disposizione un totale di 1,3 miliardi di euro per promuovere l’acquisto di veicoli commerciali green entro il 2025 e altri 6,3 miliardi di euro per la realizzazione o l’ampliamento delle stazioni di rifornimento e di ricarica per auto e camion.