• RINNOVABILI

Sole e idrogeno il mix vincente nelle Barbados

Nelle Barbados, lo stato insulare che fa parte delle Piccole Antille, è in corso di realizzazione quella che sarà la più grande centrale elettrica ibrida dei Caraibi. Il progetto, per il quale si attendono le ultime approvazioni da parte del governo, prevede la costruzione di un parco fotovoltaico da 50 MW, che fungerà da fonte primaria, accoppiato a un sistema di stoccaggio di idrogeno verde con una capacità di 128 MWh.

La centrale fornirà elettricità pulita, stabile e tutti i giorni dell’anno a 16.000 abitazioni e aiuterà lo stato insulare non solo a raggiungere l’obiettivo di diventare carbon neutral entro il 2030 ma contribuirà anche a superare i problemi di intermittenza che ora limitano la diffusione dell’energia solare ed eolica sulle reti dell’isola. La realizzazione della centrale, che sarà situata nella zona di St. Philip, darà lavoro a circa 200 persone e, una volta in funzione, saranno 25 i lavoratori locali impiegati a tempo pieno.

Da notare che lo stesso tipo di centrale ibrida è in fase di realizzazione nella Guyana francese, dove entrerà in funzione nell’aprile 2024 dando elettricità a 10.000 abitazioni e permettendo di evitare l’emissione di 39.000 tonnellate di CO2 l’anno.