• RETI

Passante (Hitachi Energy): “Cambia il panorama dei consumatori di energia”

La connessione tra la generazione di energia - preferibilmente rinnovabile - da una parte e il consumo di energia dall’altra, verso vecchi e nuovi uti­lizzatori (data center e trasporti in primis). Da oltre cento anni - anche se con altre denominazioni - Hitachi Energy intercetta tutti gli ambiti in cui l’elettricità può avere un peso.

Una realtà industriale che si pone in Italia come uno dei principali attori, radicata sul territorio con tre unità produttive a Monselice, Lodi e Santa Palom­ba (Roma), che conosce perfettamente il mondo industriale e le sue esigenze, fornendo le migliori soluzioni in tema di Power Transmission, HV­DC, Power Quality, Substation e Power Supply.


In occasione dell’inaugurazione del nuovo headquarter di Milano Filippo Passante, Operating Unit Manager, business unit Grid Integration di Hitachi Energy Italy ha aperto le porte di questa eccellenza a Nuova Energia, parlando dei nuovi paradigmi determinati dalla transizione energetica.


“Abbiamo voluto ampliare il campo d’azione perché sta cambiando il panorama dei grandi consumatori di energia. I data center e i trasporti pub­blici locali, per esempio, sono nuovi player che si affacciano sul mercato e che solo pochi anni fa non eravamo abituati a considerare. In particolare, la parte di data center merita una men­zione, perché siamo di fronte a nuovi consumatori sicuramente energivori”.

Power Supply significa fornitura di potenza a vecchi e nuovi consumatori e nel caso della mobilità elettrica siamo sicuramente di fronte a un nuovo consumatore. Per quanto riguarda il trasporto su gomma di passeg­geri e merci, Hitachi Energy si rivolge soprattutto alla mobilità elettrica legata alle flotte: gli autobus, ovviamente, ma anche i veicoli com­merciali adibiti al trasporto per il last mile.


Senza dimenticare il trasporto ferroviario o navale, dove Hitachi Energy propone soluzioni per l’interconnessione delle navi portacontainer o da crociera alla rete elettrica portua­le in modo da consentirne lo spegnimento dei motori quando sono ormeggiate alla banchina.