• SCENARI

Brussato: “Il Green Deal non può cambiare le leggi della fisica”

“Si comincia a prendere coscienza che la transizione energetica e lo sviluppo della mobilità elettrica vedrà la domanda di metalli crescere come mai prima nella storia dell’umanità”. È questo lo spunto di partenza dell’articolo di Giovanni Brussato pubblicato sul numero in distribuzione di Nuova Energia, il periodico dello sviluppo sostenibile.


Ingegnere minerario e autore del libro Energia verde? Prepariamoci a scavare. I costi ambientali e sociali delle energie rinnovabili, Brussato sottolinea come il Green Deal abbia alla sua base un’impossibilità fisica, l’idea cioè di energia libera e rinnovabile, e che l’uso del suolo, sia per accedere ai luoghi in cui si trovano le risorse sia per collocare gli impianti, ha un costo.

“Tutte le installazioni tecnologiche - si legge nell’articolo - hanno un costo ambientale e sociale, perché costruite con materiali estratti dalla terra e perché tutte le macchine si consumano; non c’è nulla di veramente rinnovabile in nessuna di esse. Quindi, il Green Deal si sintetizza nell’enorme quantità di minerali che devono essere estratti per costruire le tecnologie verdi”. E se il NEO Climate Scenario, prevede obiettivi ancora più ambiziosi rispetto all’Economic Transition Scenario, elaborato dagli analisti di Bloomberg, con una potenza rinnovabile globalmente installata che sale a 57 TW al 2050, con 23,2 TW da fotovoltaico e 17,8 TW da eolico, ecco che la quantità di metalli necessari per raggiungere la neutralità carbonica che aveva stimato la World Bank non sarà più sufficiente.

Una stima – superata appunto dai nuovi scenari – che prevedeva necessaria una quantità di metalli pari a 3,5 miliardi di tonnellate per la costruzione delle tecnologie green, senza includere le infrastrutture per supportare la distribuzione, come le linee di trasmissione, o i componenti come i telai dei veicoli elettrici.


“Le minacce alla biodiversità - conclude Brussato - legate all’attività mineraria aumenteranno inevitabilmente se gli obiettivi saranno quelli del Green Deal o del NEO Climate Scenario. E senza una pianificazione volta a mitigarle, queste nuove minacce potrebbero superare quelle evitate con il contrasto ai cambiamenti climatici”.