• EOLICO

Australia a tutto eolico… offshore!

Mentre in Italia i comitati del no sono attivi come non mai, forse ancora non raggiunti dalle notizie di crisi energetiche e da quelle di catastrofi figlie del climate change, in Australia è in fase di realizzazione un nuovo impianto eolico offshore da 1,2 GW.

Southern Winds - questo il nome del progetto - sarà costruito tra i 10 e i 30 chilometri al largo delle coste del South Australia, nello Stato di Victoria, e utilizzerà la tecnologia a fondo fisso. La scelta del sito, oltre che per la costanza e forza del vento e per la presenza di importanti infrastrutture portuali, è stata supportata dall’appoggio che la componente politica, la comunità e l’industria locale hanno dato al progetto che utilizzerà mano d’opera del luogo e consentirà di soddisfare la sempre crescente domanda di energia del territorio.


Il nuovo parco eolico offshore fa parte della Portland West Offshore Wind Renewable Energy Zone (REZ) annunciata dal governo del Victoria a seguito del Victorian Offshore Wind Policy Directions Paper, con il quale il governo dello Stato si è impegnato a sostenere lo sviluppo di parchi eolici offshore identificando due zone, Gippsland e Portland West, dove installare impianti per almeno 13 GW di capacità.


In particolare, il governo dello Stato di Victoria si è posto come obiettivo di installare 4 GW entro il 2035 e 9 GW entro il 2040, così da ottenere nel 2050 il 20 per cento della capacità energetica da 13 GW di eolico offshore. In uno dei suoi primi discorsi Anthony Albanese, nuovo primo ministro del governo australiano, ha promesso di trasformare l’Australia in una superpotenza dell’energia rinnovabile.