• FOSSILI

Nel New Mexico via alla dismissione della centrale a carbone

Nel percorso di decarbonizzazione avviato anche negli Stati Uniti, l’azienda elettrica pubblica statunitense PNM (Public Service Company of New Mexico) ha annunciato il progetto per la sostituzione della centrale a carbone di San Juan, che terminerà il suo funzionamento nel giugno 2022 in accordo con il New Mexico Energy Transition Act.



Per sostituire l’energia prodotta con il combustibile fossile, i piani della società prevedono 350 MW di solare, 280 MW da gas naturale e 130 MW di accumulo, per un totale di quasi 1 GW di nuova capacità.


“Il piano di sostituzione di San Juan - ha dichiarato in una nota Pat Vincent-Collawn, CEO di PNM - non solo farà risparmiare denaro ai clienti, ma vedrà la nascita di uno dei più grandi impianti solari degli Stati Uniti e una delle più alte percentuali di accumulo a batterie di tutto il Paese”.

PNM e Texas New Mexico Power (TNMP), che fanno parte di PNM Resources, hanno una capacità di generazione di circa 2.761 MW e forniscono elettricità a circa 790.000 abitazioni e aziende in New Mexico e in Texas.