• RINNOVABILI

El Salvador (con IRENA) verso la decarbonizzazione entro il 2050

In accordo con l’attuazione della politica energetica nazionale 2020-2050, il Governo di El Salvador ha firmato un accordo quadro con l’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA) per sostenere e guidare gli sforzi di decarbonizzazione del Paese centroamericano e i suoi obiettivi di sviluppo economico.

Il Piano al 2050 punta a dare priorità alle fonti rinnovabili per diminuire le importazioni di combustibili fossili, che hanno rappresentato nel 2019 oltre i due terzi dell’approvvigionamento energetico del Paese, e ridurre così le tariffe elettriche.


Elementi chiave dell’accordo con IRENA saranno lo scambio di conoscenze e l’agevolazione di nuovi progetti rinnovabili.


In particolare, oltre a fotovoltaico e idroelettrico, un focus particolare sarà dedicato allo sviluppo della produzione di energia geotermica che, nonostante una lunga tradizione nel Paese, ha visto negli ultimi anni un numero limitato di nuovi progetti.

Secondo i dati della Commissione idroelettrica esecutiva del rio Lempa (CEl), l’energia geotermica ha contribuito nel 2021 tra il 22 e il 25 per cento della produzione totale del Paese, che punta a passare da 204 MW a 300 MW di capacità installata.



“Questo accordo di cooperazione – ha dichiarato Alexhandra Hill Tinoco, ministro degli Esteri di El Salvador - sosterrà i nostri piani nazionali di decarbonizzazione e aumenterà il finanziamento di progetti di energia rinnovabile, contribuendo allo sviluppo dell’energia geotermica”.

Proprio El Salvador sarà la sede del meeting ministeriale della Geotermia 2022, promosso dalla Global Geothermal Alliance.


Nell’incontro verranno discusse le migliori proposte, i progressi tecnologici, la cooperazione e le questioni relative alla generazione di energia geotermica.