• INQUINAMENTO

Teleriscaldamento per una città sostenibile? Anche in Tagikistan!

Le città ospitano più della metà della popolazione mondiale e sono i luoghi dove

maggiore è il consumo energetico. Con un corollario: i centri abitati sono

responsabili di circa il 60 per cento delle emissioni di gas serra.


Proprio per questo, lo sviluppo urbano sostenibile è stato messo al centro delle agende di

tutti gli Stati, con il punto 11 degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS) delle Nazioni

Unite che testualmente mira a rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri,

resilienti e sostenibili entro il 2030. Un processo che, per compiersi, necessita però di

ingenti investimenti, non sempre conciliabili con le possibilità economiche di molti Paesi;

difficoltà oggi aumentate a causa della crisi economica mondiale dovuta alla pandemia.

La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), istituita nel 1991 per favorire la

transizione dei Paesi dell’Europa centro-orientale e dell’ex-Urss verso un’economia di

mercato, per allinearsi con gli obiettivi delle Nazioni Unite e a quelli definiti dall’accordo di

Parigi ha stabilito di dedicare la maggior parte dei nuovi investimenti a sostegno di progetti

per un’economia verde.

In particolare, il programma BERS Green Cities, istituito nel 2016, identifica e favorisce

quelle amministrazioni che investono in infrastrutture sostenibili e in politiche ambientali,

concentrandosi su strumenti operativi che le autorità cittadine possono mettere in campo

entro un orizzonte temporale di cinque anni.

Già attivo in 45 città - dovrebbero diventare 100 entro il 2024 - il programma supporta ora,

con un investimento di 10 miliardi di dollari, l’ammodernamento e l’estensione del sistema

di teleriscaldamento a Dushanbe, la capitale della Repubblica del Tagikistan. La rete di

Dushanbe, composta da 125 km di condutture, è infatti obsoleta e ha perdite di calore

comprese tra il 40 e il 50 per cento, causate da una carente manutenzione. All’interno del

più articolato Green City Action Plan (GCAP), l’efficientamento della rete di teleriscaldamento consentirà di ridurre di circa 39.000 tonnellate/anno le emissioni di CO2, contribuendo al miglioramento della qualità dell’aria in una città di oltre 800.000 abitanti.

La Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo fino ad oggi ha destinato 731 milioni di

euro al Tagikistan attraverso 139 progetti, mentre sono più di 6.000 quelli realizzati da

quando è stata istituita trent’anni fa, con quasi 150 miliardi di euro investiti.