top of page
  • TELERISCALDAMENTO

Teleriscaldamento e nucleare, con i piccoli reattori in Finlandia è possibile

Nell’Unione Europea il riscaldamento costituisce circa il 50 per cento del consumo energetico delle famiglie. In ambito urbano, una delle modalità più efficaci ed efficienti per riscaldare gli edifici è rappresentata dal teleriscaldamento che, grazie a circa 3.500 reti, porta calore a 60 milioni di europei.

Una startup finlandese punta a costruire il primo impianto di teleriscaldamento al mondo che utilizzerà Small Modular Reactor (SMR), i mini-reattori che sembrano essere la nuova frontiera del nucleare. Il progetto, per il cui sviluppo sono stati raccolti finanziamenti per 2 milioni di euro, sarà operativo entro il 2030. In particolare, è previsto l’utilizzo di un mini-reattore da 50 MW che produrrà calore in modo efficiente, sicuro e senza emissioni di carbonio, a temperature e pressioni decisamente più basse rispetto al nucleare tradizionale.


La tecnologia del reattore è ad acqua leggera (LWR), utilizzata da oltre cinquant’anni in più di 30 Paesi in tutto il mondo, e non si basa su parti meccaniche in movimento che potrebbero guastarsi e ostacolare la funzione di raffreddamento. Il mini-reattore è stato progettato per funzionare a circa 150 °C con una pressione inferiore a 10 bar, garantendo così che, in caso di malfunzionamento, una eventuale perdita rimanga contenuta all’interno della centrale senza mettere in pericolo le persone e l’ambiente circostante.


In fase di sviluppo dal 2020 presso il VTT Technical Research Centre of Finland, il prototipo ha una vita utile di 60 anni ed è stato progettato per essere compatibile con la normativa finlandese per lo smaltimento permanente delle scorie nucleari. Secondo l’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica, la tecnologia SMR è adatta per la cogenerazione di energia elettrica e calore a vantaggio dell’industria pesante e del teleriscaldamento, per sostituire le unità a gasolio nella produzione mineraria e industriale e per il trattamento e la desalinizzazione delle acque.

Comentários


bottom of page