• RETI

Più elettricità (e solo 15 blackout l’anno) nel futuro del Bangladesh

Uno dei Paesi dell’Asia meridionale che sta assistendo a un rapido sviluppo della propria economia è il Bangladesh: con una crescita annua di oltre il 7,5 per cento negli ultimi tre anni, lo stato asiatico si sta anche rapidamente urbanizzando.


Si stima che entro il 2025 quasi la metà della sua popolazione vivrà nelle aree urbane; un processo che dovrà essere necessariamente affiancato da un miglioramento della rete elettrica, in un Paese dove ancora il 22 per cento circa della popolazione non ha accesso all’energia.

Proprio per soddisfare la crescente domanda energetica, generata principalmente da una rapida industrializzazione e urbanizzazione, il governo del Bangladesh ha attivato alcuni programmi di sviluppo del territorio, tra cui il Bangladesh Power System Upgrade and Expansion Project. Il progetto, che ha l’obiettivo di aumentare l’accesso all’elettricità e migliorare l’efficienza dei servizi, ha ricevuto un prestito di 200 milioni di dollari (179 milioni di euro) dall’Asian Infrastructure Investment Bank (AIIB). Attraverso gli interventi in programma si prevede di migliorare l’efficienza sia nella produzione sia nella capacità di distribuzione, e di aumentare il numero di consumatori di energia elettrica nelle zone rurali e urbane.

Entro il 2025 si dovrebbe così arrivare a ridurre a 15 (dalle 60 odierne) il numero annuale di interruzioni di corrente, limitare le perdite di trasmissione al 2,5 per cento (dal 2,8 per cento) e realizzare 408 chilometri di nuove linee. Tutto questo avrà anche un impatto ambientale positivo, poiché otterrà un taglio delle emissioni medie annue di anidride carbonica di oltre 455.000 tonnellate.