• LaREd

Nel Caucaso 400 MW dai raggi solari

Secondo gli ultimi dati rilasciati dall’Armenia Renewable Resources and Energy Efficiency

Fund (R2E2), l’ente statale che promuove l’energia rinnovabile e l’efficienza energetica, la domanda interna di energia elettrica armena è coperta ancora per oltre il 32 per cento dalla centrale nucleare di Oktemberyan, situata nei pressi della cittadina di Metsamor e con una capacità di 385 MW.



E se l’idroelettrico contribuisce per il 33 per cento, sempre secondo R2E2, è invece minimo l’apporto del solare. Ora il fondo sovrano Armenian National Interests Fund (ANIF) ha annunciato la realizzazione dell’impianto solare AYG-1, con una capacità di 200 MW. L’impianto, che sarà il più grande esistente nel Paese asiatico, dovrebbe essere operativo entro il 2025 e fa parte di un più ampio progetto che prevede, in collaborazione con una società degli Emirati Arabi Uniti, di sviluppare 400 MW di capacità solare. L'Armenia, che si è impegnata a generare il 30 per cento della sua elettricità da fonti rinnovabili entro il 2025, per supportare lo sviluppo di progetti solari ha dato vita all’Armenia Renewable Energy Development che, tra le altre iniziative, mette a disposizione delle imprese private prestiti per la realizzazione di impianti fotovoltaici con potenza fino a 500 kW.