top of page
  • ACCESSO ALL'ENERGIA

Kenya, 100 milioni di euro per migliorare l’accesso all’elettricità

Lo sviluppo economico e sociale di un Paese passa necessariamente dalla possibilità di un approvvigionamento energetico affidabile e adeguato. Proprio per contribuire a migliorare l’accesso all’elettricità in Kenya, l’African Development Bank (AfDB) ha annunciato uno stanziamento di 101 milioni di euro.

Il prestito consentirà al governo di Nairobi di attuare la terza fase del Last Mile Connectivity Project, che andrà a beneficio di famiglie, piccole e medie imprese, strutture sociali. La Fase III prevede il rafforzamento della rete elettrica grazie alla costruzione di 13 sottostazioni da 33/11 kV e l’estensione della rete di distribuzione in 45 delle 47 Contee amministrative, permettendo così a 540.000 keniani di avere accesso all’energia elettrica.


Inoltre, saranno collegate per la prima volta 10.500 tra piccole e medie imprese, 23 istituti scolastici, 15 strutture sanitarie e 8 strutture per l’approvvigionamento idrico. La Fase III del Last Mile Connectivity Project, che beneficerà anche di un prestito di 12 milioni di euro da parte del Fondo per il Clima della Canada-African Development Bank, fa seguito alle due precedenti che hanno consentito di fornire elettricità rispettivamente a più di 1 milione e a quasi 1,6 milioni di keniani.


Il Last Mile Connectivity Project - Fase III è una delle azioni prioritarie per la realizzazione della Vision 2030 del Kenya, che ha come obiettivo l’accesso universale all’elettricità, e permetterà inoltre di evitare l’emissione di 3.440 tonnellate di CO2 l’anno.


Stando ai dati disponibili, nel 2022 in Kenya il 77 per cento della popolazione aveva accesso alla rete elettrica, una percentuale superiore alla media dei Paesi dell’Africa sub-sahariana, stimata intorno al 50 per cento.

 

Comentarios


bottom of page