• E-MOBILITY

Infrastrutture pubbliche di ricarica per le e-car, in Europa manca omogeneità

La primavera è arrivata: cambio di stagione che per molti significa già momento per programmare le vacanze estive. Cambiano le mete e le distanze, ma rimane un unico atteso protagonista: il sole, presenza indispensabile non solo del nostro tempo libero. Presente e futuro energetico sono infatti sempre più illuminati dal nostro astro.

Presente e futuro energetico sono infatti sempre più illuminati dal nostro astro.

Parallelamente alla sempre maggiore produzione di elettricità da fonte solare, cresce l’importanza della combinazione di impianti fotovoltaici con i sistemi di accumulo, per un consumo differito.


Non solo, con l’aumentare dei veicoli elettrici le soluzioni energetiche si baseranno anche sull’interconnessione di FV, storage e infrastrutture di ricarica.


E se il mercato europeo del fotovoltaico e dei sistemi di accumulo è in piena espansione, l’implementazione delle infrastrutture di ricarica per le e-car sta avendo uno sviluppo disomogeneo nei diversi Paesi.


Secondo i dati rilasciati dall’European Automobile Manufacturers’ Association (ACEA), a settembre 2021 erano 224.237 i punti di ricarica pubblici disponibili nell’Unione Europea.

Ben 66.665 di questi si trovano nei Paesi Bassi (quasi il 30 per cento del totale UE), 45.751 in Francia (pari al 20,4 per cento) e 44.538 in Germania (19,9 per cento).


Tre Paesi che rappresentano quindi quasi il 70 per cento dei punti di ricarica presenti nella UE, nonostante coprano solo il 23 per cento della superficie totale degli Stati membri.


Un divario tra Paesi che crolla dopo la Germania. L’Italia, pur posizionata al quarto posto di questa particolare classifica, conta infatti solo 13.073 colonnine, pari al 5,8 per cento del totale UE.

“Per fare sì che l’Europa occupi le prime posizioni nella corsa trionfale verso la mobilità elettrica - afferma infatti Markus Elsässer, amministratore delegato di Solar Promotion GmbH, società che organizza The smarter E Europe - è indispensabile un’espansione capillare delle infrastrutture di ricarica”.

Espansione che non può prescindere anche da una collaborazione tra gestori di colonnine di ricarica, servizi di fatturazione, produttori automobilistici e fornitori di servizi per la mobilità.


Un'occasione per fare network, stabilire e rafforzare contatti, presentare e sviluppare idee, condividere conoscenze e best practice sarà Power2Drive Europe, che si svolgerà dall’11 al 13 maggio 2022 a Monaco di Baviera all’interno di The Smarter E Europe.


Accompagnata dalla Power2Drive Conference, la manifestazione sarà il luogo dove poter toccare con mano soluzioni di ricarica e servizi legati alla mobilità che rispecchiano l'integrazione intelligente della e-mobility con sistemi basati sulle energie rinnovabili.




Power2Drive Europe


Monaco di Baviera


11-13 maggio 2022


https://www.powertodrive.de/home