• EOLICO

In Polonia l’eolico è ben piantato per terra e il Paese va col vento

Una capacità installata pari a 23-25 ​​GW di generazione da fonti rinnovabili già al 2030, il doppio rispetto al 2020. È l’obiettivo scritto nella strategia energetica della Polonia al 2040 (PPE2040) che, pur puntando forte sull’eolico offshore, non dimentica però quello ben piantato in terra.

Se per l’offshore si parla di 5,9 GW di capacità installata al 2030 e fino a 11 GW al 2040, l’eolico onshore si attesta a 7 GW al 2040.


In linea con la strada tracciata dal PPE2040 è ora entrato in funzione, dopo 14 mesi serviti per la sua messa in opera, il parco eolico onshore di Rozdrazew, situato a 80 chilometri a sud-est di Poznan, nella Polonia occidentale. Con una capacità nominale di 16,8 GW, questa installazione anticipa altri progetti in fase di realizzazione o di approvazione.


In particolare, sono già in costruzione l’impianto eolico da 7 MW di Wierzchlas, a circa 100 km da Stettino, e quello di Lech Nowy Staw, a sud-est di Danzica, con una capacità di 12 MW.


Nel corso del 2022 sarà invece avviata la realizzazione del parco eolico di Znin, composto da 16 turbine per una capacità di 48 MW.

L’inizio delle operazioni commerciali è previsto entro la fine del 2023.


Sempre per quanto riguarda le installazioni onshore, sono in fase di autorizzazioni altri due progetti: quello di Dolice, per un impianto da 48 MW, e di Zukowice, che avrà invece una capacità di 33 MW.