top of page
  • RINNOVABILI

Idrogeno verde, l’Oman punta a 1 milione di tonnellate entro il 2030

Non dissipare la generazione rinnovabile - eolico e solare soprattutto - è fondamentale per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione. Una delle soluzioni è rappresentata dalla produzione di idrogeno. Con il programma Green Energy Oman Project l’Oman convertirà energia da fonte eolica e solare in idrogeno, ammoniaca e metanolo.

Gli accordi, con un valore stimato complessivo di 10 miliardi di dollari (pari a 9,16 miliardi di euro) prevedono la realizzazione di due impianti nella zona franca di Duqm, situata a circa 450 chilometri a nord della capitale Muscat. Il primo sito, con un investimento stimato di 7 miliardi di dollari, produrrà 200-220.000 tonnellate/anno di idrogeno verde, grazie all’energia generata dai 5 GW degli impianti eolici e solari situati nel Governatorato di Al Wusta. La produzione sarà destinata principalmente all’esportazione sotto forma di ammoniaca. Il secondo accordo riguarda la costruzione di un impianto che sarà in grado di produrre 50.000 tonnellate di idrogeno l’anno.


Il Sultanato, che ha già indetto una seconda asta per l’assegnazione di tre lotti di terreno nella zona del Dhofar, nel sud del Paese, punta a produrre almeno 1 milione di tonnellate/anno di idrogeno green entro il 2030. Il governo di Muscat, con la Oman National Energy Strategy, intende raggiungere, sempre entro la fine del decennio, il 30 per cento di produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili.

Comentários


bottom of page