• BIOCARBURANTI

Carburanti sostenibili, in Danimarca arrivano i primi veicoli a e-metanolo

La Danimarca, leader della sostenibilità, punta sull'e-metanolo per il futuro della mobilità. Una fonte green che può sostituire in parte i carburanti fossili, contribuendo a risolvere i problemi dell'intermittenza e delle fluttuazioni che caratterizzano l'energia da fonti rinnovabili.

Sono in fase di collaudo ad Aalborg, in Danimarca, due automobili e un mezzo da autotrasporto pesante alimentati a e-metanolo prodotti da Geely, holding e conglomerato cinese.

Il colosso non è ancora molto noto in Europa, ma, oltre a varie aziende cinesi, possiede o controlla marchi come Lotus, Volvo, i neonati Polestar e LYNK & CO, la malese Proton e, a metà con Mercedes, Smart.

La Danimarca ha deciso infatti di puntare sull’e-metanolo per raggiungere i propri obiettivi di sviluppo sostenibile al 2030.

In sintesi, ridurre le emissioni di carbonio del 70 per cento e raggiungere il 100% di elettricità prodotta da fonti rinnovabili.


In primo luogo, l’e-metanolo ha il potenziale per ovviare all'intermittenza e alle fluttuazioni che affliggono l’energia rinnovabile.

Problematiche che interessano da vicino la Danimarca, leader mondiale nella produzione di energia eolica e fotovoltaica.


Grazie al metanolo green è possibile infatti immagazzinare l’elettricità in eccesso da fonti rinnovabili, aiutando così anche a stabilizzare la rete elettrica.

In secondo luogo, così come gli altri e-fuel anche l’e-metanolo può sostituire i carburanti fossili contribuendo alla decarbonizzazione della mobilità.

Una strada già intrapresa dall’azienda danese Maersk, che ha utilizzato questo carburante per alimentare le proprie imbarcazioni commerciali.

Una scelta che fa sì che oggi il Paese possa contare su una solida infrastruttura per la produzione, immagazzinamento e trasporto del combustibile a metanolo.


Un’infrastruttura che ha permesso a Geely, tra i leader nella produzione di veicoli a metanolo, di testarne il potenziale nel trasporto su strada.


L’obiettivo che muove il collaudo in Danimarca è promuovere la tecnologia e preparare il terreno per l’introduzione dell’e-metanolo in Europa, sebbene Geely sia molto impegnata anche sul fronte elettrico.

“Non è una questione che riguarda solo un singolo Paese, ma il futuro del mondo intero", ha commentato il ministro dei Trasporti danese Trine Bramsen, chiedendo una maggiore attenzione verso queste tecnologie.