• EOLICO

Anche Hong Kong avrà il suo primo parco eolico offshore

Obiettivo del governo cinese – almeno a parole – è di arrivare alla neutralità carbonica entro il 2060. Proposito che va esteso, ovviamente, anche al territorio autonomo di Hong Kong. Tappa importante di questo cammino, l’annuncio della costruzione del primo parco eolico offshore nell’ex protettorato britannico.

L’impianto eolico offshore, che sarà costruito a inizio 2024 e la cui messa in servizio è programmata per il 2027, sarà realizzato a circa quattro chilometri a Sud-Ovest dell’isola di Lamma.


Composto da 19 turbine, l'infrastruttura avrà una capacità di circa 150 MW e sarà in grado di fornire elettricità a 120.000 famiglie, consentendo inoltre di evitare l’emissione di 284.000 tonnellate/anno di anidride carbonica.


L’area è stata selezionata proprio per la sua particolare ventosità, con una velocità media del vento registrata dalla stazione di monitoraggio dell’Osservatorio di Hong Kong di circa 7,1 metri al secondo.


È interessante notare che sull’isola di Lamma, a Tai Ling, è presente una turbina eolica onshore con una potenza nominale di 800 kW che già permette di evitare l’emissione di 800 tonnellate/anno di CO2.